Vote électronique

Il Consiglio federale si impegna fermamente a favore dei diritti politici e dell’adeguamento al XXI secolo delle condizioni di partecipazione alla democrazia. Tutti gli elettori devono poter beneficiare del sistema, non solo gli Svizzeri all’estero e le persone con disabilità.

Walter Thurnherr, cancelliere della Confederazione 


In Svizzera, Confederazione e Cantoni sperimentano il voto elettronico da oltre 15 anni. Finora si sono svolte con buoni risultati più di 300 prove.

Con il progetto Vote électronique, si propone di offrire ai cittadini la possibilità di esercitare i loro diritti politici anche per via elettronica, offrendo in tal modo nuove opportunità alla democrazia.

Vote électronique è un progetto congiunto di Confederazione e Cantoni. Il progetto Vote électronique è parte integrante della strategia di e-Government della Svizzera secondo la quale gli elettori devono poter votare avvalendosi di sistemi accessibili, mobili e tracciabili. Il voto elettronico presenta i seguenti vantaggi:

  • l’espressione di un voto nullo è impossibile;
  • i risultati delle votazioni si ottengono più rapidamente;
  • si evitano i ritardi come nel voto per corrispondenza;
  • gruppi con esigenze particolari, come per esempio gli aventi diritto di voto con disabilità, possono esercitare in modo autonomo i loro diritti politici.

Fin dall'inizio è stato scelto un approccio che antepone la sicurezza alla velocità. In Svizzera vengono approvati solo sistemi di voto elettronico che rispettano i severi requisiti di sicurezza previsti dal diritto federale. Vi sono i presupposti per una votazione elettronica affidabile e il segreto del voto è tutelato. 

 

Stato attuale

Dopo una fase sperimentale durata anni, con oltre 300 prove eseguite in un totale di 15 Cantoni, dal luglio 2019 il voto elettronico non è più disponibile in Svizzera. 

Il 26 giugno 2019 il Consiglio federale ha incaricato la Cancelleria federale di provvedere a riorganizzare la fase sperimentale del voto elettronico in collaborazione con i Cantoni. La riorganizzazione della fase sperimentale si basa sui seguenti obiettivi:

  1. sviluppare ulteriormente i sistemi;
  2. garantire l’efficacia dei controlli e della vigilanza;
  3. favorire la trasparenza e la fiducia;
  4. coinvolgere maggiormente il settore scientifico.

La Cancelleria federale e i Cantoni hanno redatto un rapporto finale congiunto sulla riorganizzazione e la ripresa delle prove in 2020. Nella prima tappa della riorganizzazione sono state rivedute le basi legali del voto elettronico. La revisione parziale dell’ordinanza sui diritti politici (ODP) e la revisione totale dell’ordinanza della Cancelleria federale concernente il voto elettronico (OVE) sono entrate in vigore il 1° luglio 2022 (Esigenze del diritto federale).

 
 

Nella seduta del 3 marzo 2023 il Consiglio federale ha accordato l’autorizzazione di principio ai Cantoni di Basilea Città, San Gallo e Turgovia per la ripresa della sperimentazione del voto elettronico in occasione di votazioni federali (Comunicato stampa del 3 marzo 2023). L’autorizzazione di principio si applica a una parte limitata dell’elettorato ed è valida sino alla votazione del 18 maggio 2025 inclusa (Prove di voto elettronico). 

I Cantoni utilizzeranno per la prima volta il sistema di voto elettronico completamente verificabile della Posta Svizzera. Il sistema e le sue modalità d’esercizio sono stati sviluppati e testati su mandato della Cancelleria federale. Gli interventi la cui necessità è stata constatata nel corso delle verifiche sono stati inseriti in un catalogo delle misure allestito congiuntamente dalla Confederazione e dai Cantoni coinvolti, d’intesa con la Posta, nell’ottica di un processo di miglioramento continuo (cfr. catalogo delle misure della Confederazione e dei Cantoni del 20.02.2023).

Basandosi sull’autorizzazione di principio del Consiglio federale e dopo aver preso atto dell’elenco di misure, la Cancelleria federale ha concesso ai Cantoni di Basilea Città, San Gallo e Turgovia il nulla osta per la votazione popolare del 18 giugno 2023. La Cancelleria federale esaminerà l’attuazione delle misure nell’ambito delle future procedure per la concessione del nulla osta.


Comunicati stampa

03.03.2023

Voto elettronico: il Consiglio federale autorizza la ripresa delle sperimentazioni

Nella seduta del 3 marzo 2023 il Consiglio federale ha accordato l’autorizzazione di principio ai Cantoni di Basilea Città, San Gallo e Turgovia per la ripresa della sperimentazione del voto elettronico in occasione di votazioni federali. L’autorizzazione di principio si applica a una parte limitata dell’elettorato ed è valida sino alla votazione del 18 maggio 2025 inclusa. Da parte sua, la Cancelleria federale ha concesso il nulla osta per la votazione del 18 giugno 2023.

25.05.2022

Voto elettronico: entrata in vigore delle nuove basi legali

Il 1° luglio 2022 entreranno in vigore le nuove basi legali per la prima tappa della riorganizzazione della fase sperimentale del voto elettronico. Nella seduta del 25 maggio 2022 il Consiglio federale ha posto in vigore la revisione parziale dell’ordinanza sui diritti politici (ODP). Ha inoltre preso atto che la revisione totale dell’ordinanza della Cancelleria federale concernente il voto elettronico (OVE) entrerà in vigore simultaneamente. Su questa base i Cantoni possono chiedere nuovamente al Consiglio federale di autorizzarli, nell’ambito della fase sperimentale, a proporre il voto elettronico.

20.04.2022

Voto elettronico: disponibili i risultati della prima verifica indipendente

Il sistema di voto elettronico, attualmente sviluppato dalla Posta, è stato notevolmente migliorato. Allo stesso tempo richiede ulteriori sviluppi in parte piuttosto importanti. È quanto è emerso dai primi rapporti d’esame realizzati da specialisti indipendenti su mandato della Cancelleria federale. I risultati della verifica sono presi in considerazione per l’ulteriore sviluppo del sistema.

10.12.2021

Nuove basi giuridiche per le prove di voto elettronico disponibili a metà del 2022

Nella seduta del 10 dicembre 2021 il Consiglio federale ha preso atto dei risultati della procedura di consultazione sulle basi giuridiche del voto elettronico. Ha deciso che le due ordinanze pertinenti saranno ultimate entro la metà del 2022. Il Governo intende approfondire sul lungo periodo alcune tematiche fondamentali sollevate dai pareri espressi nella consultazione.


La sicurezza del voto elettronico

Il filmato della Cancelleria federale spiega le misure adottate per garantire un voto elettronico sicuro in Svizzera.


https://www.bk.admin.ch/content/bk/it/home/diritti-politici/e-voting.html