Organizzazione del progetto

In qualità di committente del progetto, il Consiglio federale ha ricevuto dal Parlamento il mandato di introdurre gradualmente il voto elettronico. La Cancelleria federale, che è stata incaricata della sua attuazione, ha affidato la realizzazione del progetto alla Sezione dei diritti politici, la quale ha istituito un team di progetto composto di quattro collaboratori e diretto da un responsabile incaricato della gestione operativa e tecnica. La Cancelleria federale è responsabile della procedura di autorizzazione nell’ambito di scrutini federali e del coordinamento di progetti cantonali. 

 

Strumento di pianificazione

Per accelerare l’estensione del progetto ai fini della sua attuazione, il comitato direttivo Vote électronique (comitato direttivo VE) ha deciso di sostituire l’attuale «roadmap Vote électronique» con un strumento di pianificazione che consta di una dichiarazione d’intenti, di un catalogo di misure e di un organigramma. Per la sua preparazione la Cancelleria federale ha indetto una consultazione presso i Cantoni nel corso del secondo semestre del 2016. I riscontri pervenuti sono sintetizzati nel rapporto di valutazione.

Il strumento di pianificazione è stato adottato in occasione del convegno primaverile della Conferenza svizzera dei cancellieri di Stato, tenutosi il 20 e 21 aprile 2017. Esso prevede l’avvio dei lavori intesi a trasporre il voto elettronico nell’esercizio ordinario e a istituire le condizioni quadro giuridiche necessarie a una sua dematerializzazione.

 

Organi

Il comitato direttivo VE esamina le proposte strategiche della Cancelleria federale nell’ambito del progetto prima che siano presentate al Consiglio federale o al Parlamento e controlla l’attuazione della dichiarazione d’intenti del nuovo strumento di pianificazione. Il comitato direttivo, composto da nove membri, è diretto dal cancelliere della Confederazione. Vi sono rappresentati in seno alla Confederazione:

  • il cancelliere della Confederazione
  • l’incaricato per la direzione informatica della Confederazione
  • il direttore dell’Ufficio federale di giustizia
  • il capo della sezione dei diritti politici

Gli altri cinque seggi sono occupati dai Cantoni. I membri della Conferenza dei cancellieri di Stato designano i rappresentanti dei Cantoni nel comitato direttivo VE.

Il comitato direttivo VE, che si compone del team di progetto VE e dei rappresentanti dei Cantoni, controlla l’attuazione del catalogo di misure. I Cantoni che hanno già introdotto il canale di voto elettronico o che hanno previsto uno scadenziario vincolante per la sua introduzione possono far parte del comitato direttivo.

Il gruppo di lavoro Vote électronique provvede allo scambio di informazioni tra i Cantoni e la Cancelleria federale. Le sedute del comitato sono dirette dal responsabile di progetto che, con altri organi federali interessati, informa sugli sviluppi rilevanti a tal fine. Per discutere di questioni specifiche possono essere istituiti sottogruppi di lavoro ad hoc.

https://www.bk.admin.ch/content/bk/it/home/diritti-politici/e-voting/organizzazione-del-progetto.html