Adottato il rapporto di gestione del Consiglio federale nel 2019

Berna, 11.03.2020 - Il 19 febbraio 2020 il Consiglio federale ha adottato il rapporto sulla sua gestione nel 2019. Fra i punti cardine dello scorso anno figurano le priorità di politica finanziaria per il pe-riodo 2020–2028, la Strategia di e-government Svizzera 2020–2023 e un Accordo di libero scambio globale con l’Indonesia. Inoltre i messaggi concernenti la promozione della piazza economica negli anni 2020–2023, il rafforzamento del ruolo della Svizzera quale Stato ospite per il periodo 2020–2023 e la riforma dell’AVS 21. Altri importanti progetti del Consiglio federale sono stati la strategia Sanità2030 e un primo pacchetto di misure per contenere i costi della salute. Infine il Consiglio federale si è occupato di una legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo e di una decisione programmatica sull’acquisto di nuovi aerei da combattimento.

Il 2019 è il quarto e ultimo anno della legislatura 2015–2019. Le misure dell’anno in rassegna si suddividono secondo tre indirizzi politici, che il Consiglio federale si è dato per questa legislatura: 1) La Svizzera assicura durevolmente la sua prosperità e sfrutta le opportunità offerte dalla digi-talizzazione. 2) La Svizzera promuove la coesione nazionale e contribuisce a rafforzare la colla-borazione internazionale. 3) La Svizzera si adopera per la sicurezza, si impegna per la protezione del clima e agisce come partner affidabile nel contesto mondiale. A questi tre indirizzi politici sono stati attribuiti 17 obiettivi, a cui a loro volta nel 2019 sono state assegnate complessivamente 94 misure. Di queste, 61 sono state attuate dal Consiglio federale.

Nel suo rapporto di gestione il Consiglio federale fornisce informazioni dettagliate sul grado di realizzazione dei suoi obiettivi e sull’attuazione delle corrispondenti misure. Vi indica inoltre gli scostamenti rispetto agli obiettivi annuali e illustra importanti progetti non previsti, motivandoli. Tali scostamenti sono imputabili a diverse cause. A livello di politica estera il raggiungimento degli obiettivi da parte del Consiglio federale dipende fra l’altro dall’agenda dei partner internazionali. Per quanto riguarda la politica interna, una consultazione può, ad esempio, comportare adeguamenti a un progetto e corrispondenti ritardi nell’attuazione. Sovente il Consiglio federale riprende negli obiettivi dell’anno successivo le misure che non ha potuto realizzare nell’anno in rassegna o che ha attuato solo parzialmente.

Rapporto all’attenzione del Parlamento

La gestione del Consiglio federale figura all’ordine del giorno delle Commissioni della gestione (CdG) del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati nella primavera 2020. Entrambe le Camere del Parlamento tratteranno il rapporto di gestione nella sessione estiva 2020.


Indirizzo cui rivolgere domande

Urs Bruderer
capo sostituto Sezione Comunicazione CaF
tel. 058 483 99 69
urs.bruderer@bk.admin.ch



Pubblicato da

Cancelleria federale
http://www.bk.admin.ch/index.html?lang=it

https://www.bk.admin.ch/content/bk/it/home/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-78409.html